Esplora contenuti correlati

Coordinamento nazionale partecipato multilivello delle politiche sull'invecchiamento attivo

Si tratta di un progetto triennale (2019-2022), regolato da un accordo tra la Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento per le politiche della famiglia e l'IRCCS INRCA di Ancona, con l'obiettivo di creare un coordinamento nazionale partecipato multi livello delle politiche a favore dell’invecchiamento attivo. Il primo incontro (kick-off meeting) si è svolto l’11 aprile 2019 a Roma.

Coinvolgendo in maniera partecipata tutti i referenti istituzionali nazionali e regionali, e quelli della società civile sia a livello nazionale che regionale (stakeholder), in tutte le sue varie fasi, il progetto prevede un percorso in 5 fasi principali.

Partendo da un'analisi dello stato dell'arte in merito alle politiche sull'invecchiamento attivo a livello nazionale e regionale (fase 1), verranno elaborate delle linee guida per favorire il policy making e l’implementazione delle politiche in questo ambito (fase 2), anche basandosi sulle buone prassi identificate. Il passo successivo sarà quello di individuare una o più possibili aree di intervento per migliorare la situazione esistente nei vari contesti. Questo sarà fatto anche sulla base dei risultati dell’analisi dello stato dell’arte (fase 3) e servirà ad avviare il processo di implementazione di politiche inerenti l’invecchiamento attivo utilizzando le linee guida (fase 4), monitorando l’evolvere della situazione (fase 5).

Il 16 maggio 2019, il progetto è stato presentato in occasione del Forum PA, e la prima riunione plenaria con la rete di stakeholder ha avuto luogo il 24 giugno 2019, nella sede del Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro (Cnel) a Roma. L'iniziativa è stata inoltre presentata in alcune sedi internazionali, come in occasione della riunione del gruppo di lavoro sull'invecchiamento (Working Group on Ageing) dell’UNECE a Ginevra, il 18 novembre 2019.

Durante il progetto verranno utilizzati strumenti di ricerca sia qualitativi (desk research, interviste, focus group) che quantitativi (analisi di dati secondari).

Per la descrizione più dettagliata delle attività previste e delle altre informazioni sul progetto, si veda il menù dei contenuti correlati.

Torna all'inizio del contenuto