Una poesia per Pasqua della maestra Maria Rosaria, Terni

29 aprile 2020

Nei miei sogni ho immaginato
un grande uovo colorato,
senza lustrini, senza pulcini
con la sorpresa per grandi e piccini.

Ci sono dentro le passeggiate,
le corse sul prato, le camminate,
ci sono dentro i tanti abbracci
ora rinchiusi dai catenacci.

Ci sono dentro le strette di mano
e i bei voli in deltaplano,
ci sono dentro le aule piene di amici
con cui giocare ed esser felici.

Per il momento non si può fare.
Ci dicono solo di pazientare.
La primavera sembra che dica
- Dai forza esci, vien fuori di là!

Ma non faccio fuori le attività,
finché scorazza il virus corona
io rimango seduto in poltrona.
io so e posso aspettare…
non voglio mica farmi… fregare!

E allora Pasqua di certo verrà
e la sorpresa per ognuno sarà:
un bell'orologio con cui contare
il tempo che ancora dovremo aspettare.

- Maria Rosaria, maestra a Terni

Torna all'inizio del contenuto